Arrivano 12,3 milioni di euro per progetti di smart mobility.

La scorsa settimana il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha dichiarato di aver destinato 12,3 milioni di euro per progetti di smart mobility. Le risorse saranno messe a disposizione delle Regioni “per lo sviluppo e la messa in sicurezza di itinerari e percorsi ciclabili e pedonali, compresi i percorsi del sistema nazionale delle ciclovie turistiche”.

Questa misura fornisce concretezza ad un progetto più grande per la realizzazione di una viabilità ciclabile diffusa in tutte le città italiane. Infatti, secondo Delrio, realizzare infrastrutture per le biciclette e i pedoni ha un impatto meno oneroso nelle casse dello Stato e favorisce anche la salute dei cittadini!

L’Italia secondo una classifica pubblicata a fine ottobre dalla Commissione Europea si trova al quattordicesimo posto nell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nel settore dei trasporti e al diciannovesimo posto nella diffusione delle colonnine di ricarica per mezzi di trasporto elettrici. Tra gli stati che si applicano maggiormente alla questione “smart mobility”: Olanda, Svezia, Germania e Austria.

Sicuramente lo stanziamento di questi finanziamenti sono un grande passo verso il restyling del concetto di mobilità in Italia: meno auto e più biciclette!

073f920b3c6dcbd6b22777c4398cf2fe

Queste le tipologie di progetti che possono accedere al bonus: iniziative di piedibus, car-pooling, car-sharing,  bike-sharing, programmi di educazione e sicurezza stradale, di riduzione del traffico, dell’inquinamento e ricerca di soluzioni alternative della sosta autoveicoli vicino a scuole e luoghi di lavoro.

Dalla legge di stabilità 2016 sono infatti previste tre ciclovie: ciclovia ven-To da Venezia a Torino, ciclovia del Sole da Verona a Firenze e ciclovia dell’Acquedotto Pugliese, da Caposele (AV) a Santa Maria di Leuca (LE).

Pronti a pedalare? 🙂

Lascia un commento